Gli elementi più importanti di cui tenere conto per l'acquisto di una casa.

La casa è il luogo in cui ci sentiamo a nostro agio, amati e protetti; poco importa se è una villa, un appartamento o un monolocale. Quello che invece è fondamentale è scegliere l’immobile giusto, che rispecchi le reali esigenze del nucleo familiare e che abbia adeguate dimensioni.

Prima di cominciare la fase di ricerca della casa, vi consigliamo di definire i requisiti minimi essenziali che essa deve soddisfare, in base alle esigenze personali e/o familiari. Ad esempio, ecco alcuni aspetti da prendere in considerazione: dimensione, zona, presenza di giardini, terrazzi e/o garage, numero di bagni, se casa singola o appartamento, etc.

Dopo questa doverosa premessa, vediamo insieme quali sono i fattori da considerare nella scelta di una nuova casa.

1. Costo.

Il nostro consiglio è quello di calcolare con esattezza il budget a disposizione prima di iniziare la ricerca della casa. Questo aspetto, infatti, influirà inevitabilmente nella scelta della metratura e della tipologia di immobile: a parità di condizioni (posizione, città, servizi, etc.) l’acquisto di una villetta su due piani o di un quadrilocale avrà sicuramente un costo maggiore rispetto ad un monolocale.

Potrebbe sembrare un concetto scontato e banale, ma ignorare o affrontare in maniera superficiale questo passaggio, potrebbe portarvi a visionare immobili fuori budget o, peggio ancora, ad acquistare una casa troppo costosa, con tutto ciò che tale scelta può comportare.

Inoltre vanno considerate le spese direttamente connesse all’acquisto della casa come, ad esempio, l’eventuale provvigione spettante all’agenzia immobiliare, l’IVA, il notaio, l’imposta di registro, gli eventuali costi connessi al mutuo, etc.

A questo, ovviamente, si aggiungono anche i costi per arredare casa.
Quindi, vi raccomandiamo di farvi davvero bene i conti!

Villini con piscina E-4

2. Dimensioni.

Un altro fattore da tenere in considerazione nell’ acquisto di un immobile è la metratura e la sua disposizione interna. Nella scelta dei metri quadri complessivi dell’immobile, infatti, non bisogna solo considerare i mq totali, ma quelli delle singole stanze.

In linea di massima, si può seguire questo schema per comprendere quali siano le differenti tipologie di immobili presenti sul mercato:  

  • Monolocale: è un immobile composto da una sola stanza che funge da angolo cottura, sala da pranzo e camera da letto, e da un bagno. Per legge, deve avere una dimensione non inferiore ai 28 mq per un abitante, non inferiore ai 38 mq per due abitanti;
  • Bilocale: è un immobile da due camere più un bagno. In media la sua dimensione varia dai 40 ai 50 mq;
  • Trilocale: è un immobile composto da tre camere più servizi. In media le sue dimensioni oscillano tra i 60 e i 70 mq;
  • Quadrilocali: è un immobile composto da 4 camere più servizi, ed ha una dimensione complessiva tra gli 80 e i 100 mq.

Per calcolare la dimensione minima della casa, potete utilizzare la seguente formula:

  • considerate almeno 24 mq per abitante (fino a 4 abitanti). Quindi, qualora gli abitanti siano 3, la dimensione minima consigliata è di 72 mq (24 x 3);
  • aggiungete 10 mq in più per ogni abitante aggiuntivo (rispetto ai 4). Quindi, nel caso di 5 abitanti, la dimensione minima della casa dovrebbe essere di 106 mq (24 x 4 e aggiungete 10 al risultato).

Uno spazio inferiore ai 20 mq per persona potrebbe non essere adeguato.

3. Modi di vivere la casa.

La casa non è solo un luogo dove rientrare la sera dopo una giornata di lavoro, ma è anche un ambiente dove condividere momenti con la propria famiglia e i propri amici. Inoltre è anche il luogo dove coltivare i propri interessi ed hobby.

A questo, specie a seguito della pandemia, si aggiunge anche l’esigenza di una stanza aggiuntiva destinata allo svolgimento dell’attività lavorativa, visto che molti lavoratori sono passati dalla modalità in presenza allo smart working (o comunque ad una modalità mista).

Un discorso simile può essere fatto anche per chi ha figli che vanno scuola, i quali hanno bisogno di uno spazio dedicato nel quale concentrarsi e svolgere attività scolastiche e ricreative.

Questi nuovi scenari influenzano indubbiamente la scelta finale della casa, sia in termini di dimensioni, sia di tipologia (es. appartamento o casa singola). Senza dubbio, si è più predisposti ad aumentare l’importo di spesa complessivo finale per poter avere a disposizione maggiore spazio al fine di conciliare la vita domestica e quella lavorativa. 

L-003 Villa residenziale

4. Servizi.

Definita la tipologia di immobile che si intende acquistare, è importante conoscere quali sono i servizi presenti in zona e le eventuali distanze rispetto al luogo di lavoro.

Una casa che si trova in una posizione centrale, magari nelle vicinanze di fermate dei mezzi pubblici, oppure nei pressi di esercizi commerciali e servizi di vario genere (scuole, banche, poste, ospedali, etc.) risulta più appetibile, e di conseguenza il suo costo sarà maggiore. Meno servita sarà la zona, più basso sarà il prezzo richiesto.

Chiaramente queste sono valutazioni soggettive: vi consigliamo di analizzare con attenzione quali servizi sono indispensabili per le vostre esigenze e il vostro stile di vita, così da individuare il giusto compromesso.

Conclusioni.

Se siete una giovane coppia o una famiglia in cerca della casa perfetta, vi consigliamo di tenere conto degli elementi di valutazione forniti in questo articolo e di affidarvi all’esperienza del Gruppo Passacqua.

Un partner che ha una chiara condizione del mercato immobiliare, da San Benedetto del Tronto, a Giulianova e Roseto degli Abruzzi, e che saprà sorprendervi proponendo soluzioni immobiliari di pregio, confortevoli e innovative.